Speriamo che sia… l’ultima!

Programma di cessazione dell’abitudine tabagica rivolto alle donne in gravidanza e alle neo-mamme, promosso da WALCE Onlus con il patrocinio della Fondazione Onlus Medicina a Misura di Donna e della Fondazione Insieme contro il Cancro

OBIETTIVI

WALCE Onlus ha voluto promuovere un programma di cessazione dell’abitudine tabagica rivolto alle donne nel periodo della gravidanza (e poi subito dopo la nascita del bambino) coadiuvato da un utile strumento dedicato al nascituro: un orsetto di peluche (“Ector the Protector Bear”) che tossisce se esposto a fumo di sigaretta, in regalo alle donne che partecipano alla campagna. In parallelo, viene proposto un servizio di counseling relativo al tema della cessazione del fumo, e a favore dei corretti stili di vita, promosso dai Centri ginecologici/ostetricia in collaborazione con le Divisioni di Oncologia e con personale Medico Pneumologico.
L’iniziativa, alla sua prima edizione nel 2017, è realizzata in occasione di Novembre (Mese mondiale di sensibilizzazione per il tumore del polmone), e prevede 4 tappe in diverse città italiane:

NAPOLI (Ospedali dei Colli – Università Luigi Vanvitelli Napoli) – 15 Novembre | Referenti: Dr Danilo Rocco, Prof.ssa M.G.Russo, Dr Ciro Battiloro, Dr.ssa Giorgia Smeraglio, Dr Luigi Della Gravara;
TORINO (Ospedale Sant’Anna) – 21 Novembre | Referenti: Prof.ssa Silvia Novello, Prof.ssa Chiara Benedetto, Dr Luca Ostacoli, Dr.ssa Simonetta Rapetti;
PADOVA (Clinica Ginecologica e Ostetrica) – 21 Novembre | Referenti: Prof. PierFranco Conte, Prof. Giovanni Battista Nardelli, Dr.ssa Samuela Binato, Dr.ssa Fortunata Marchese (Rete Oncologica Veneta), Dr.ssa Giulia Pasello.
• BARI (Casa delle donne del Mediterraneo) – 24 Novembre | Referenti: Dr.ssa Annamaria Catino, Dr.ssa Daniela Bafunno, Dr Domenico Galetta, Dr.ssa Annamaria Moretti, Dr.ssa Claudia Cormio – In collaborazione con l’Associazione Ui Together.

FINALITÀ

Le principali finalità del progetto sono:

- CESSAZIONE DELL’ABITUDINE TABAGICA: molti studi hanno dimostrato che il tabagismo della madre, durante la gravidanza, è una delle cause di aborto spontaneo, di parto prematuro, così come di aumento della mortalità e morbilità perinatale e infantile; inoltre è causa di aumentato rischio di sindrome di morte improvvisa del lattante, di basso peso alla nascita, di sindrome di astinenza neonatale da nicotina. Gli studi evidenziano, inoltre, un ritardo nella crescita cognitiva nell’infanzia, un rischio maggiore di infezioni respiratorie, asma e alterazioni in alcuni cromosomi fetali più sensibili ai composti genotossici del tabacco. Le madri che fumano hanno meno latte e di minore qualità rispetto ad una non fumatrice e la produzione di latte nel tempo è più breve.
Avendo la possibilità di chiedere supporto sia al ginecologo che ai servizi sanitari, il periodo della gravidanza risulta un momento “propizio” per smettere di fumare, cogliendo l’opportunità di cessare questa dipendenza anche in maniera definitiva e migliorare la qualità della propria vita e di quella famigliare.

- INFORMAZIONE e SENSIBILIZZAZIONE: sottolineare ancora una volta i danni arrecati dal fumo di sigaretta. Alla fine le campagne di questo tipo non sono mai troppe e mai troppo scontate, visto che tra i giovani (soprattutto fra le ragazze) il fenomeno non accenna a diminuire. È doveroso e utile, in considerazione del fatto che il tumore del polmone non è l’unica patologia derivante da questa dipendenza, cogliere un’ulteriore occasione di porre all’attenzione dell’opinione pubblica che vi sono molte altre malattie invalidanti correlate: malattie respiratorie come la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva) e l’enfisema polmonare, malattie cardiocircolatorie, altre tipologie di tumore, disfunzioni erettili, difficoltà di concepimento e aumentato rischio di gravidanze extrauterine, di aborto e di patologie della gravidanza nelle donne. Inoltre, la dipendenza tabagica potenzialmente va ad aggravare malattie già esistenti, come il diabete, l’ipertensione e i disturbi dell’apparato digerente.

DESTINATARI

Sono destinatari primari del progetto le donne in stato di gravidanza e le neo-mamme; secondari: famigliari, pubblico generico, Media e Istituzioni. La partecipazione è gratuita.

ECTOR – THE PROTECTOR BEAR

Ector the Protector Bear è la campagna di prevenzione contro il fumo passivo promossa da Roche e presentata nel 2017 in occasione della Giornata mondiale senza tabacco. Il progetto è stato realizzato con il patrocinio di WALCE Onlus – Women Against Lung Cancer in Europe.
Il protagonista della campagna è Ector the Protector Bear, il primo giocatolo che tossisce ogni volta che qualcuno fuma vicino a lui grazie ad un rilevatore di fumo interno, collegato ad una cassa audio. Così facendo Ector scoraggia i fumatori, avverte i genitori ed educa i bambini a tenersi lontani dalle minacce del fumo, contribuendo alla crescita di una generazione consapevole dei rischi provocati dal fumo. Per questo motivo Ector è più di un semplice orsetto: è il regalo perfetto per tutte le mamme che desiderano un futuro migliore per i loro bambini.

Il programma è realizzato con il contributo non condizionato di Roche.

I commenti sono chiusi.